A cosa serve app.config?

Settings.settings genera Settings.Designer.cs che presumibilmente genera app.config che viene quindi copiato nella directory di output come Foo.exe.config . Quando distribuisco l’applicazione senza il file di configurazione, sembra che non accada niente di male. Quindi, a cosa serve quel file?

Se non si dispone del file di configurazione, utilizza i valori predefiniti del designer. Tuttavia, il file di configurazione consente agli utenti / amministratori di modificare facilmente le impostazioni, ad esempio il server con cui si parla, i temi, ecc. Se non si dispone del file, dove ci si aspetterebbe che tali impostazioni vengano archiviate?

È ansible avere impostazioni per utente e impostazioni per applicazione, che sono memorizzate in posizioni diverse.

I file di configurazione dell’applicazione contengono impostazioni specifiche per un’applicazione. Questo file contiene le impostazioni di configurazione che il runtime della lingua comune legge (come il criterio di associazione degli assiemi, gli oggetti remoti e così via) e le impostazioni che l’applicazione può leggere.

Il file di configurazione è facoltativo, se non esistono ambienti come ASP.NET tornerà al file machine.config memorizzato nelle directory di sistema .NET per ottenere i valori predefiniti del computer.

Se in realtà aggiungi codice alla tua app per recuperare le impostazioni dal file di configurazione (ad esempio utilizzando la class ConfigurationManager ) e non esiste, riceverai valori nulli.

Questo è il motivo per cui è importante verificare questa situazione e chiedere alla propria applicazione di decidere autonomamente come / se continuare.

È ansible memorizzare la configurazione in quel file.

Il framework .Net caricherà automaticamente un file di configurazione con exe-name.config.

Se non usi nessuna configurazione nella tua applicazione, allora non succederà nulla di male …